Soft skills: ComunicazioneLa comunicazione è un concetto che sta diventando sempre più citato e inflazionato nel mondo del business e del lavoro.

Tutti sono pronti a dirci quanto sia importante avere ottime capacità di comunicazione per avere successo, ma cosa vuol dire davvero comunicare? E cos’è la comunicazione efficace?
Comunicare significa letteralmente “mettere in comune” qualcosa. Quindi condividere qualsiasi tipo di informazione con un interlocutore, usando un mezzo (ad esempio un testo scritto, o la parola) e un codice, ossia un insieme di segni e simboli comprensibili ad entrambe le parti (ad esempio la lingua italiana).
Queste componenti però non bastano a rendere la comunicazione efficace. Per comunicare non basta emettere un messaggio verso l’interlocutore, altrimenti non si verificherebbero mai tutti quegli inconvenienti che invece sono all’ordine del giorno: fraintendimenti, incomprensioni, informazioni incomplete, eccetera.
Cosa rende la comunicazione efficace? Un vademecum molto semplice da ricordare, e nello stesso tempo molto utile, è quello delle cosiddette cinque C. La comunicazione deve cioè essere:
  1. Chiara
  2. Concisa
  3. Coerente
  4. Corretta
  5. Cortese
Ricordare questo semplice elenco ci aiuta a perfezionare i messaggi che elaboriamo e trasmettiamo in modo da veicolare le informazioni giuste nel modo più adatto al nostro interlocutore, alla sua sensibilità, al suo background e alle sue esigenze. 
Nessun essere umano è uguale ad un altro, e questo implica che lo stesso messaggio venga recepito e interpretato in modo completamente diverso. Ne sanno qualcosa gli esperti di marketing e pubblicità.

Va da sé che imparare a comunicare in modo efficace è assolutamente fondamentale in qualsiasi business, e ancora di più in quei rami in cui le relazioni interpersonali hanno particolare importanza.

Non esiste attività professionale in cui non dobbiamo interagire con persone diverse da noi, quindi non abbiamo scuse per comunicare in modo incompleto o inefficace.
Nel mondo del business comunicare serve non solo a veicolare informazioni, ma anche e soprattutto a raggiungere un obiettivo, che sia convincere una persona, motivarla, incoraggiarla, tenerla “agganciata” o semplicemente conoscerla meglio. Lo stesso messaggio può essere formulato in centinaia di modi diversi, e ognuno di questi modi può essere efficace o meno a seconda di infinite variabili.
Occorre quindi non solo che l’interlocutore capisca bene quello che stiamo cercando di comunicare, ma anche che non ci siano informazioni superflue, che il messaggio sia ben strutturato e accattivante, e che tenga conto della situazione personale di chi ci sta di fronte: sicuramente con un giovane conoscente che si affaccia per la prima volta nel mondo del lavoro, pieno di speranze e magari competente ma inesperto, comunicheremo diversamente da come facciamo con un imprenditore già avviato, con il rappresentante di un’azienda o con un nostro amico di vecchia data.
Imparare a comunicare efficacemente non è facile né immediato, e richiede anche una certa conoscenza e padronanza di sé e di ciò che vogliamo comunicare. La consapevolezza e la fiducia in se stessi sono fondamentali per comunicare e per avere successo, e ne parleremo nei prossimi post. A presto!