Occuparsi dei propri business
Il titolo di oggi esprime un concetto che sembra banale ma in realtà è una delle cose più importanti che i ricchi fanno costantemente, mentre tutti gli altri si occupano di redditi e di spese.

Questo perché la maggior parte delle persone lavora tutta la vita per qualcun altro, e questo comportamento porta spesso a problemi finanziari.

Questa condizione nasce da giovani, con la scuola, che porta le persone a diventare quello per cui hanno studiato; così, ad esempio chi frequenta la scuola per cuochi diventa cuoco. L’errore comune è che facendo il mestiere per cui si è studiato si passa la vita a perseguire interessi altrui, rendendo ricchi gli altri, mentre noi ci dimentichiamo di occuparci dei nostri affari. Per questo motivo le persone sono alla ricerca costante di aumenti, avanzamenti di carriera e secondi lavori.

Attualmente il mercato del lavoro in Italia mostra una disoccupazione in costante aumento.

Questa situazione porta le persone ad evitare i rischi e a tenersi stretto il proprio lavoro: senza sicurezza professionale non hanno altro su cui fare affidamento. Per questi semplici motivi ritengo saggio e anzi necessario cominciare a sviluppare e a occuparsi di propri business, prima che il vostro lavoro dipendente si riduca ulteriormente.
Mi rivolgo ai più giovani, che troppe volte si fanno intrappolare in uno stile di vita il cui unico fine è indebitarsi per sempre, e alle persone più avanti con l’età, che già cominciano a rendersi conto di quanto inadeguata è la pensione che riceveranno, arrivando talvolta a pesare proprio sui figli per sostenersi. Concentratevi su affari che richiedano poco del vostro tempo per funzionare, e in generale su qualsiasi cosa abbia valore, produca reddito, si rivaluti e abbia già un mercato. Soprattutto, abbiate cura delle iniziative che intraprendete, proprio come un giardiniere cura un giardino per renderlo rigoglioso.

Non è mia intenzione incoraggiare nessuno a creare e occuparsi di propri business se non lo desidera davvero.

Conoscendo bene la gestione aziendale so che questo è un grande onere da assumersi.
In periodi in cui il lavoro scarseggia, fondare una società sembra la scelta migliore, ma dovete sapere che la metà delle aziende fallisce nei primi 5 anni, e solo una arriva al decimo anno in attività. Quello che vi suggerisco è di aumentare il flusso di cassa e fare in modo che il denaro lavori per voi. I soldi sono un ottimo dipendente: lavorano 24 ore al giorno tutti i giorni, senza ferie né permessi, e lavorano anche per le generazioni successive. Seguite l’esempio dei ricchi, che si permettono beni di lusso solo come ultima cosa da acquistare, mentre il ceto medio e i poveri li comprano per primi.
Vi saluto con alcune domande, la cui risposta lascio a voi:
Qual è la vostra professione e qual è il vostro business? Che differenza c’è tra i due? C’è un vostro familiare che ha passato la vita a lavorare per altri ed è finito con niente in mano? Quale consiglio gli avreste dato se aveste potuto?
A presto!